martedì 28 marzo 2017

Recensione "NOI SIAMO TUTTO" di NICOLA YOON

Buongiorno Bookworms!
Siamo tornate questa settimana più  forti che mai!
Sarà la primavera? Forse, ma siamo pronte e cariche per la settimana!
Come potete notare oggi vi portiamo una nuova recensione. Molti di voi conoscono questo libro, molti lo hanno anche amato. 
Stiamo parlando di Everything Everything di Nicola Yoon. 
Prossimamente verrà portato in Italia grazie alla Sperling & Kupfer.
Iniziamo? 

TITOLO: Everything Everything
AUTORE: Nicola Yoon
SERIE: Stand Alone
USCITA: 1 Settembre 2015 - Prossimamente in Italia
PREZZO:  7.99 £
EDITORE:  CORGI BOOKS 
GENERE: Young Adult

La Trama:

La mia malattia è tanto rara quanto famosa.
Semplicemente sono allergica al mondo. Non esco di casa, non l'ho mai fatto in 17 anni. Le uniche persone che ho mai visto sono mia mamma e la mia infermiera, Carla.
Ma poi, un giorno, un camion per i traslochi si ferma nella casa accanto. Guardo fuori dalla finestra e lo vedo. E' alto, magro e veste tutto di nero, T-shirt nera, jeans neri, sneakers nere e un cappellino nero di lana che gli copre i capelli. Scopre che lo fisso e ricambia il suo sguardo. Il suo nome è Olly.
Forse non possiamo predire il futuro, ma possiamo predire alcune cose. Come ad esempio sono sicura che mi innamorerò di Olly. Ed è altrettanto certo che sarà un disastro.


Non potete capire quanto abbia aspettato per leggere questo libro!
Tutti ne hanno parlato e ne parlano tutt'ora. 
Ovunque vada la stupenda copertina di "Everything Everything" è li che mi fissa.
Twitter, Instagram, vari blog, Goodreads, Facebook, Youtube. 
E' ovunque!
Per chi non lo sapesse a maggio uscirà anche il film dove la nostra protagonista Madeline è interpretata da Amandla Stenberg (per chi non la conoscesse ha fatto Rue in "Hunger Games") e Olly è interpretato da Nick Robinson (Il mio Ben/Zombie ne "La quinta onda"
Combinazione strana per il mio cervello di fangirl.



Quindi era il momento migliore per iniziare a leggerlo con la mia compagna di avventure Letizia. Infatti nel sul blog, A little nerd's shelf, troverete la sua recensione.
Ora che ho terminato il libro posso annunciarvi che le mie aspettative erano troppo alte.
Assai alte.
No, non guardatemi con quelle facce tristi e sorprese. So che a tanti è piaciuto, sono contentissima per loro, ma a me non ha fatto impazzire. 
Ora entriamo nel vivo della recensione e vi spiego i miei pensieri.


La nostra protagonista è Madeline Whittier, una ragazza di 17 anni che ha una malattia che, da quando è nata, non le permette di uscire di casa. 
Possiamo semplicemente dire che è allergica al mondo. Se Maddy mette piede fuori casa potrebbe morire.
Questa malattia è molto rara è colpisce gli infanti. Si chiama SCID ovvero "Immunodeficienza combinata grave."
Oltre alla malattia, sempre da piccola, ha subito un lutto. Infatti suo fratello maggiore e suo padre sono morti in un incidente e ora le uniche persone con cui entra in contatto ogni giorno sono sua madre e la sua infermiera Carla.
Anche se dalla vita ha visto solo porte chiuse, Maddy è una ragazza molto forte. Vive tranquillamente la sua vita tra i suoi libri, le lezioni via Skype, le visite mediche e i momenti di svago che ha con sua mamma, finchè un giorno nella casa affianco si trasferisce una nuova famiglia. Ed è in quel momento, nel momento esatto che gli occhi di Maddy incontrano quelli blu oceano di Olly, lei sa che la sua vita e il suo cuore cambieranno per sempre. 
E' inevitabile, si innamoreranno l'una dell'altro, ma non sarà un percorso facile.

M: Di che dolore sono i tuoi occhi?
O: Blu
M: Devi essere più specifico per favore
O: Gesù. Ragazza! Blu oceano
M: Atlantico o pacifico?
O: Atlantico. I tuoi invece?
M: Color cioccolato
O: Più specifica per favore
M: 75% burro di cacao cioccolato marrone scuro
O: Heheh, bello


Olly è un ragazzo davvero dolce, un po' pieno di se che si veste esclusivamente di nero. Vive con sua mamma, sua sorella Kara e suo padre, che un po' troppo spesso beve e diventa violento.
Il suo mondo e quello di Maddy entreranno in collisione lentamente, prima attraverso sguardi per poi passare alle e-mail, messaggi e infine a faccia a faccia.

Ora vorrei dividere il libro in due parti che coincidono con le metà del libro.
La prima parte è la mia preferita. I protagonisti si incontrano per la prima volta e la loro amicizia si sviluppa pagina dopo pagina, messaggio dopo messaggio e inizia a trasformarsi in qualcosa di più profondo. 
E' la scoperta e il conoscere una nuova persona, è il trovarsi bene con lei, trovare assieme a lei complicità e il capire se quella persona entrerà o meno a far parte della tua vita.
La lettura di questa prima parte è stato un susseguirsi di AWWW e OHHH perchè è davvero dolce e tenera.

"Olly: Gesù. Esiste una ragazza su questo pianeta che non ama Mr. Darcy.
Madeline: Tutte le ragazze lo amano?
Olly: Stai scherzando? Anche mia sorella ama Darcy e lei non ama nessuno.
Madeline: Deve amare qualcuno. Sono sicura che ti ama.
Olly: Cos'ha di speciale Darcy?
Madeline: Non è una domanda seria
Olly: E' snob
Madeline: Ma supera questa fase e poi realizza che il carattere è più importante della classe. E' un uomo aperto a imparare le lezioni di vita. Inoltre è tremendamente bello e nobile e poetico. Ho detto che è bello? E poi ama Elizabeth al di là di tutto.

La seconda parte, invece, ha sgretolato pian piano l'idea iniziale che avevo del libro.
La loro storia d'amore inizia ad andare troppo veloce, diventa piatta e a tratti noiosa.
Nel libro sono presenti tantissime cose con tantissimo potenziale  a cui l'autrice non ha dato il giusto peso. 
Ho trovato scene troppo irreali e le mie mani fremono per parlarvene ma non voglio farvi spoiler.
Poi, all'improvviso, verso le ultime 70 pagine, il PLOT TWIST.
Non me lo aspettavo, mi ha davvero sorpresa, ma anche qui, a parere mio, è stato descritto in modo superficiale. Se Nicola Yoon avesse sviluppato al meglio determinate scene sarebbe stato meglio.
Poi, sempre nella seconda metà, rimaniamo in una situazione di stallo. La trama non va avanti.


I personaggi.
Non mi sono particolarmente affezionata. A volte li ho trovati stupidi.
Ho provato a mettermi nei panni di Madeline. Ci pensate? Questa ragazza è costretta a rimanere rinchiusa in casa per il resto della sua vita. Non è vivere questo. E' ovvio che quando incontra un ragazzo e se ne innamora perdutamente vuole vivere al meglio anche se poco. La capisco benissimo. 
Ma non ha preso in considerazione molti fattori che invece io avrei preso.
Poi il personaggio che mi ha dato più fastidio è Carla, l'infermiera. GRRR.


“Life is a gift. Don't forget to live it.” 

Il libro non mi ha particolarmente emozionata. Mi ero già preparata i fazzoletti perchè mi aspettavo i lacrimoni, ma a quanto pare non mi sono serviti. 
Andrò a vedermi il film? Certo che si, magari mi darà quell'emozione che il libro non ha saputo darmi. 
Come ho detto prima verrà tradotto prossimamente, però se volete leggerlo in lingua ve lo consiglio. Non è troppo difficile, l'unico problema sono i termini tecnici medici, per il resto si legge bene.




Quindi Bookworms. Per me il libro è un NI.
Mi è piaciuto come l'autrice ha impostato il libro (all'interno ci sono dei disegni fatti da marito della Yoon), e l'idea di base, ma non mi è piaciuto come ha sviluppato la storia, principalmente la seconda parte. 











“Spoiler alert: Love is worth everything. Everything.” 


VOTO:

6 commenti:

  1. Tu ormai sai come la penso, ahahah. Povere noi ;) <3

    RispondiElimina
  2. Come si fa a non avere aspettative alte su questo libro... Se ne sente parlare benissimo ovunque...
    Credo che aspetterò un po' prima di leggerlo!
    Grazie per questa recensione!
    Un bacio

    Nuovo post sul mio blog!
    Se ti va ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
  3. Ciao! Io devo ancora leggere questo libro e mesi fa mi aveva incuriosita per la cover, mentre ora lo vorrei leggere dopo aver visto il trailer, ma ormai attenderò che esca anche qui da noi =)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...